SCALATE ALPINISTICHE in Patagonia con1/2 alpinisti per guida. Adesioni aperte per la stag. 2017/'18

Periodo: a scelta tra il
novembre 2017 e il 20 gennaio 2018
Possibilità di alloggio a prezzo molto conveniente
Voli ai migliori prezzi su www.skyscanner.it 


Qualche dritta per chi vuole fare il "grande passo"
 in cima
al Fitz Roy 11-1992


Per affrontare le montagne patagoniche serve una buona resistenza morale, non serve essere dei tori ma neppure aver paura della fatica, perché a volte serve farne molta. La ricompensa non è facile da ottenere ma quando, e se, si riceve può migliorarvi la vita di molto.Per scalare qui serve crederci più che in ogni altro posto al mondo.
Quando nel 1992 ho guidato un alpinista sul Fitz Roy erano altri tempi ma da allora il mio entusiasmo per le cime australi è andato in crescendo tanto che negli anni ho guidato molti alpinisti e avventurieri (io SONO un avventuriero in tutti i sensi) da quelle parti e nel 2014 mi è riuscito il colpaccio (umano, alpinistico e professionale) di guidare un alpinista sul Cerro Torre per la Via dei Ragni sulla parete ovest, un successo, parlandone da guida, per me e per il mio giovane e bravo collega e amico Franz Salvaterra. Per questo ci state leggendo qui. marcello cominetti


Grazie all'esperienza maturata in decenni di attività sul posto possiamo offrire delle opportunità agli alpinisti che lo desiderino, senza spendere troppo in relazione all'impegno globale che una spedizione alpinistica in Patagonia comporta.
Normalmente è richiesto un compenso che include la prestazione della guida e tutte le sue spese sul posto.
I costi dei voli sono sempre a parte.
Franz "on dance"
Se la guida (come spesso accade) ha altri impegni in loco, la spesa del volo relativamente alla guida si divide in base al numero di impegni che la guida ha. Questo aspetto (volo) normalmente si regolarizza poco prima della partenza. I voli possono essere acquistati da una nostra agenzia di fiducia ma anche da voi stessi. 
Le spese di spostamenti, vitto e alloggio in loco dei clienti non sono incluse (mentre quelle della guida si) perché è meglio lasciare la massima libertà in questo senso in quanto non si può sapere quante e quali saranno le giornate in cui si resterà in paese e quelle in montagna. E' il meteo che comanda!
El Chaltén. Cerros Solo, Adelas, Torre, Egger,
S.Exupery, Poincenot, Fitz Roy e Mermoz

In sostanza quello che pagate è la sola prestazione della guida comprendente le sue spese, quindi non acquistate da noi un "pacchetto" in modo che, in questo caso, non ci siano costosi intermediari. Le vostre spese di viaggio e sul posto le pagherete direttamente voi, avendo così la massima libertà sulla scelta dei servizi, che comunque noi possiamo suggerirvi e/o prepararvi.
Las Torres del Paine


Via Fonrouge sulla Guillamet

Vetta della Guillamet e Fitz sullo sfondo



Orientativamente possiamo dire che le fasce di impegno, e quindi di costo, per una o più salite sono di 3 tipi: (alcuni esempi a titolo puramente indicativo)
1) salita della Aguja Guillamet (Fitz Roy massif) per la via Amy (70°/V+/650m)  che richiede 3/4 giorni ca. 
2) salita della Via Willhans alla Ag. Poincenot (Fitz Roy massif) di impegno 80°/VI+/900m che richiede 3/4 giorni ca. oppure Torre De Agostini Via Italiana al Paine di impegno simile.
3) Cerro Torre e Fitz Roy (vie classiche come Via dei Ragni, Via Franco Argentina, Supercanaleta: tutte di diff. EDsup.) che possono richiedere da 4 a 7 giorni.

I tempi di salita sono quelli puramente di attività dal campo-base/centro abitato in poi e ritorno. Occorre calcolare permanenze superiori per avere più chances con il meteo, considerando che quando fa brutto in montagna a El Chaltén quasi sempre si può scalare in falesia o sui blocchi. 



Soccorso sul Glaciar FitzRoy norte. Ph.L.Viamonte
IMPORTANTE:il grado di difficoltà e l'impegno richiesto come "da relazione tecnica" sono solo un'indicazione di massima. Il sito dei nostri amici e colleghi R.Garibotti e D.Pietron è il miglior strumento per farsi un idea tecnica www.pataclimb.com   
 Scalare in patagonia NON è come farlo sulle Alpi o in Himalaya, ma è una cosa unica e a sè stante per le caratteristiche del luogo e del meteo.
Non si può contare su soccorsi in caso di incidente (pur esistendo a El Chaltén un'ottima squadra di soccorso ma che non dispone di elicottero per cui si può aspettare qualche giorno che intervenga, se va bene..) ma semmai di auto-soccorso. Per questo sulle vie di fascia 3) le guide sono obbligatoriamente 2, sia che si vada con un cliente che con 2. E' sempre consigliabile comunque una cordata da 3.
Cerro Torre 1988

Chi vuole scalare in questo posto deve essere un alpinista esperto di salite di misto sui nostri 4000 di difficoltà classica (TD+,non estrema) ma soprattutto non dovrà essere spaventato da continui cambi di programma, zaino pesante (per questo è possibile ricorrere a uno o più portatori locali con costo a parte), e lunghi avvicinamenti da farsi praticamente "di corsa". Non è uno scherzo, e non potrete dire di non essere stati avvertiti.
una buona guida è una garanzia
che non esime dall'essere preparati
Quindi a chi volesse aderire alle nostre proposte consigliamo di ALLENARSI per bene ed essere pronti a TUTTO, incluso anche a non raggiungere nessuna cima!

Detto così sembra scoraggiante ma se nelle cronache alpinistiche della Patagonia notate che i nomi degli alpinisti sono spesso sempre gli stessi (e tra loro non c'è quasi mai uno da 8000) è perché per avere speranza di successo da queste parti occorre avere molta esperienza o...molta fortuna. Noi crediamo che sia più utile la prima, senza disdegnare la seconda. Anche perché facendo le Guide di Montagna ci preme innanzitutto il riportare la pelle a casa, magari insieme alla vostra, che ne dite?

Scalare in Patagonia significa essere degli alpinisti contemplativi, filosofi e dinamici.
Se siete di quelli che pensano solo a mettere in saccoccia salite da sfoggiare e soffrono se non piantano la bandiera (ma chi se la porta?) in vetta, lasciate perdere.
Per avere un'idea globale sull'attitudine richiesta leggetevi queste righe.

E.......SUERTE!

Periodo migliore: da novembre a marzo.

Richiedi un preventivo 
Per richiedere un preventivo è indispensabile inviare il proprio curriculum alpinistico (da noi verificabile)


info@marcellocominetti.com - francesco.salvaterra@hotmail.it 

1988 Cerro Torre is in my mind (mc)

FitzRoy, Piergiorgio e Torre dal Paso Marconi

Cerro Torre da est Via del Compressore
nel 1988, sul traverso che oggi non c'è più perché schiodato
VIDEO SULLA SPEDIZIONE in cui c'era anche FRANZ SALVATERRA SULLA PARETE OVEST DELLA TORRE EGGER


INFO    info@marcellocominetti.com                    tel ++39.327.7105289
francesco.salvaterra@hotmail.it                            tel ++39.347.5829161



1 commento: